Top

Riaprono le scuole nel Lazio e il primo pensiero va agli studenti, a cui rivolgo i miei più sentiti auguri di buon lavoro. Si tratta infatti di guardare sempre a questo appuntamento come tappa del percorso formativo su cui occorre investire per il futuro dei ragazzi, ma più in generale del Paese. Quello della scuola e della formazione è forse il settore più sensibile e delicato per qualsiasi scelta di intervento: qui la politica traccia i binari su cui il Paese viaggerà.

Per questa ragione agli auguri segue una certa preoccupazione per come si è ripartiti e per come la recentissima riforma de “La Buona Scuola” impatterà sul sistema scolastico. Le parole del direttore dell’Ufficio scolastico regionale, in questo senso, lo confermano: “Ad oggi nella nostra Regione registriamo l’assenza di almeno 1700 professori e una serie di disagi che spingono a considerare la situazione più preoccupante di quella che ci aspettavamo”, ha detto infatti Gildo De Angelis.

A preoccupare poi è anche un altro elemento: quello legato alla scolarizzazione dei ragazzini rom. L’assenza dell’accordo tra il Comune di Roma Capitale e gli operatori sociali per riattivare questo servizio è assai grave se si pensa all’impatto sull’inclusione dei rom in questa città. Questa mattina ai campi si sono presentati pullman provvisti di autisti ma sprovvisti di operatori, con il risultato doppio di aver fatto un viaggio a vuoto e aver lasciato senza il primo giorno di scuola bambini e bambine che hanno diritto all’istruzione tanto quanto gli altri.

E’ quindi indispensabile e urgente che in queste ore si metta in campo ogni sforzo per arrivare a una soluzione definitiva. Addolora pensare che per l’inizio della scuola siano ripartiti tutti i servizi, quelli di pulitura degli edifici, della manutenzione del verde, il servizio mensa. Tutti, tranne il servizio che garantisce il diritto allo studio dei piccoli rom, considerato centrale dall’Unione europea e dalla Strategia nazionale d’inclusione.

Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *