Top

Interrompere con uno sgombero un’esperienza costruttiva come quella avviata da Communia all’interno delle ex fonderie Bastianelli e’ un inutile e sbagliato stop al processo di crescita democratica del tessuto sociale della nostra citta che ha bisogno di maggiori spazi sociali e di meno speculazioni edilizie.

La soluzione dell’occupazione dello stabile occupato a san Lorenzo, che avviene in un momento particolare, non avrebbe dovuto subire nessuna accellerazione traumatica, perche il progetto Communia era divenuto punto di riferimento del quartiere ma anche perche’ gli occupanti siedono al tavolo aperto presso la Regione Lazio dall’assessorato giovani e formaione che ha come oggetto il diritto allo studio.

La mia solidarietà va ai sette occupanti, che sono stati cacciati in strada e denunciati ma anche ai cittadini di San Lorenzo che vedono avanzare pericolosamente l’ipotesi di una nuova ed inaccettabile speculazione ai danni di una palazzo storico.

Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *